Milano - Udine+39 0432 405434info@hddsvision.it

Protezioni monitor Digital Signage

Articolo 2 di 42

I monitor per Digital Signage sono prodotti professionali, nulla a che vedere con le normali TV domestiche. Sono realizzati per avere un’operatività di almeno 12 ore al giorno 7 giorni su 7. Per questo vengono realizzate delle apposite protezioni o accortezze.

Le protezioni monitor Digital Signage prevedono una serie di accortezze in base alla destinazione d’uso. Ad esempio i monitor che andranno installati all’esterno , sia su box a muro che su totem, avranno un vetro di sicurezza per evitare la rottura in caso di atti vandalici. Solitamente il vetro è spesso almeno 3 mm, ma non è così insolito averlo da 6 mm.

I monitor touchscreen, dovendo essere toccati più volte per permettere l’interazione, hanno uno schermo più spesso così da evitare cricche sul vetro o danneggiare i pixel.

Un’altra caratteristica protettiva e la presenza di ventole che vanno ad evitare il surriscaldamento. Essendo prodotti che rimangono accesi diverse ore al giorno, se non addirittura 24 su 24, i monitor per Digital Signage sono provvisti di ventole di aerazione per la circolazione dell’aria. Questo vale anche se il monitor dovesse essere installato in verticale. In questo caso, bisognerà installarlo nel giusto verso dato che le ventole sono posizionate in un determinato lato del monitor, che varia tra un brand e l’altro.

Anche i monitor per Digital Signage sono dotati di tasti sul retro o sui lati per la gestione delle impostazioni, nel caso non si avesse il telecomando a disposizione. I monitor professionali però permettono il blocco tasti così da evitare che qualcuno possa modificare i parametri selezionati.

È possibile inoltre installare dei gruppi di continuità UPS (dall’Inglese Uninterruptible Power Supply) per evitare che i monitor si spengano in assenza di corrente. Queste apparecchiature prevengono le interruzioni improvvise di corrente elettrica e permettono la visione del messaggio trasmesso, fino al ripristino della linea elettrica.

Articolo scritto da Paolo

MENU